Stampa

Formazione secondo mansione

on Mercoledì, 04 Dicembre 2013 17:01.

Aggiornamento in caso di trasferimento del lavoratore. 

- Se il lavoratore, pur mantenendo la stessa qualifica, viene destinato a mansioni diverse da quelle precedentemente svolte dovrà essere sottoposto ad una formazione specifica.

- Se il lavoratore viene destinato ad un altro reparto/ufficio della stessa unità produttiva, pur svolgendo le stesse mansioni, il datore di lavoro deve considerare l'opportunità di programmare gli eventuali aggiornamenti formativi necessari tenendo conto, anche sulla base del documento di valutazione dei rischi, della sussistenza di effettive e concrete esigenze di adeguamento del patrimonio formativo del dipendente. 

Stampa

Tutte le entrate del nuovo Isee

on Mercoledì, 04 Dicembre 2013 16:59.

Diventano rilevanti anche i redditi fiscalmente esenti. 


Il nuovo Riccometro

1) Entrata in vigore della nuova disciplina 


- La riforma entra in vigore 15 giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale;

- Entro 90 giorni dall'entrata in vigore, un decreto interministeriale approverà la nuova Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) ;

- La nuova disciplina Isee diventa operativa dopo 30 giorni dall'entrata in vigore della nuova Dsu (Decreto Interministeriale); 

- Da tale data, tutte le prestazioni sociali agevolate devono essere erogate sulla base della nuova disciplina;

- Da tale data tutte le Dsu (vecchie) in corso di validità cessano di avere efficacia ai fini della richiesta di nuove prestazioni;

- Entro tale data tutti gli enti che disciplinano prestazioni agevolate devono emanare propri atti per adeguare le tariffe nel rispetto dell'equilibrio di bilancio;

2) Gli indicatori di ricchezza 

- Isee = e' indicatore di ricchezza del singolo componente il nucleo familiare. 

- Ise = è indicatore di ricchezza dell'intero nucleo familiare.

- Isee corrente = è l'Isee calcolato, però, su un orizzonte temporale al momento di richiesta della prestazione. 

3) L'orizzonte temporale  Determinazione dell'Ise e dell'Isee normali

- I redditi sono riferiti al secondo anno solare precedente la prestazione di Dsu

- Le spese e le franchigie sono riferite all'anno solare precedente la presentazione di Dsu

- Il patrimonio immobiliare è quello definito ai fini Imu al 31 dicembre precedente l'anno di presentazione della Dsu 

- L'importo del mutuo deducibile dal patrimonio è quello esistente al 31 dicembre precedente l'anno di presentazione della Dsu. 

Stampa

Verso lo Stop l'indennità Aspi per i lavoratori sospesi

on Mercoledì, 04 Dicembre 2013 16:49.

Verso lo stop l'erogazione dell'Aspi a favore dei lavoratori sospesi. Nel messaggio n.19436/2013, in fatti, l'Inps comunica che dall'ultimo monitoraggio è emerso il rischio del raggiungimento del limite di budget previsto per legge, e pari a 20 milioni di euro annui, e ha quindi avvertito gli enti bilaterali del conseguenziale rischio dello stop all'erogazione della prestazione. 

Stampa

INPS: ulteriori chiarimenti in materia di salvaguardia

on Mercoledì, 04 Dicembre 2013 16:46.

L'Inps, con messaggio n. 19202 del 19 novembre 2013, informa che l'esclusione prevista con il messaggio n. 17606 del 4 novembre 2013 riguarda soltanto quei lavoratori che conseguono il diritto al pensionamento con i nuovi requisiti senza l’applicazione delle penalizzazioni previste per coloro che accedono alla pensione anticipata, di cui all’art. 24, comma 10, del decreto legge n. 201 del 2011, come convertito dalla legge n. 214 del 2011.

Si applicano, invece, le misure di salvaguardia - di cui all’articolo 22, comma 1, lettera a), del decreto legge n. 95 del 2012 - qualora nei confronti dei lavoratori in argomento operi l’applicazione delle penalizzazioni di cui al richiamato comma 10 dell’ articolo 24 del decreto legge n. 201 del 2011.

Stampa

Min.Lavoro: il lavoro sotto la lente degli ispettori - irregolari metà delle aziende ispezionate

on Mercoledì, 04 Dicembre 2013 16:46.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha reso disponibili i risultati dell'attività di vigilanza sulla mancata applicazione delle norme previdenziali e della prevenzione e sicurezza del lavoro nel periodo gennaio-settembre 2013.

Il numero delle aziende ispezionate è 101.912, con un lieve aumento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (+0,1%). Tale costanza scaturisce da una specifica strategia del Ministero, mirata a concentrare le verifiche verso obiettivi significativi in relazione a fenomeni irregolari di rilevanza sociale: lavoro nero, tutela dei minori, sfruttamento extracomunitari clandestini, elusione contributiva e sicurezza sul lavoro.

Nello specifico, le ispezioni hanno consentito di verificare l'esistenza di irregolarità di vario genere nel 55% dei casi (pari a 56.003 aziende).

Login

Iniziative